• kilimangiaro
  • aconcagua-argentina
  • adamello
  • cervino
  • civetta
  • lago salato-bolivia
  • messico
  • Kilimanjaro
  • Aconcagua Argentina
  • Adamello
  • Cervino
  • Civetta
  • Lago Salato Bolivia
  • Messico

Ararat 2013

Si à conclusa in maniera splendida l'avventura ARARAT 2013: dieci giorni in Turchia nel massimo della forma del Tom Perry Team, una Turchia magica con persone molto disponibili e simpatiche. La salita al Vulcano depositario della leggenda di Noe' e della sua Arca sono rimasti nel Mistero. Un finale al cardiopalmo, dove solo Tom Perry e Davide Ferro sono riusciti a vincere la nebbia e la fortissima bufera di neve a quota 5000 metri. La grande professionalità della guida Ildrim ha permesso di toccare la cima in condizioni estreme, qualcuno da lassù ci ha salvato .......

Leggi tutto

Tom Perry dèy (day)

Sarà il 15 Agosto 2012 il d dey di Tom Perry che festeggia il decennale, grande attesa sulla cima del Carega, dove collaboratori, amici, simpatizzanti e turisti incontreranno il personaggio che rifarà in parte quella mitica discesa che lo ha reso celebre nel mondo. Sarà una grande festa con la presenza di molte persone e ci sarà il momento del ringraziamento alla Madonna Assunta con una celebrazione presieduta da Mons. Jarek Cielecki, per anni a fianco di Giovanni Paolo II. Poi ritrovo conviviale, canti e risate in gruppo. Tom Perry vi aspetta al Rifugio Scalorbi sotto la vetta del Carega nelle Piccole Dolomiti.
Nell'immagine per il programma dettagliato.

TPday

Tom Perry riparte con il progetto AIUTIAMO i GIOVANI 2011

Tom Perry lancia una nuova sfida: per il 2011, nel programma eventi Tom inserisce un progetto dedicato allo stato confusionale giovanile, cercando di contribuire al risveglio ed alla partecipazione attiva dei giovani, spenti, infelici e depressi nell'era di internet e facebook. Se il buon giorno si vede dal mattino, figuriamoci il tardo pomeriggio. Tom dice: la fase giovanile è il periodo più importante e delicato dell'esistenza; se noi non investiamo in tale periodo, poi purtroppo non si può fare nulla per arginare la frana della vita... I giovani di oggi, rispetto a quelli di trent'anni fa, sono molto piu' vulnerabili ed impreparati alla vita. Nella civiltà contadina si insegnavano le cose semplici, ma di fondamentale importanza per l'avvenire. Se ieri si maturava presto, cioè dopo il militare per i maschi e anche prima per le femmine, oggi non è più cosi', tanto che, a parte il matrimonio, che oramai è diventato una rarità, nessuno vuole accettare le responsabilità ed i passaggi della vita. Io a vent'anni, benche' diplomato non trovavo lavoro per il mio titolo di studio e per quasi quattro anni ho fatto l'imbianchino fuori regola, in una famiglia con cinque figli dove non si doveva e poteva sprecare nulla di si passava i vestiti da fratello a sorella adesso la chiamano Crisi...... Quindi l'apparenza sovrasta
tutto, non esitono e non devono esitere i problemi. tutto diventa una farsa che, nella peggiore delle ipotesi poi diventa tragedia. Il non saper affrontare ed accettare il normale corso della vita oggi rappresenta un grande pericolo per la società futura. Anche la donna rientra in queste problematiche, non accettando il primario ruolo di madre, si confonde nei meandri della stupidità e superficialità. Quanto dobbiamo imparare dalle nostre madri, che hanno formato persone con enormi sacrifici, incuranti dei propri diritti senza orari, ma con vero amore, parola che oggi viene usata in maniera equivoca.
Quando partorire diventa sport estremo ........ Tom Perry dice la civiltà è finita. Quindi maschi, rimbecilliti che per uscire dalla loro incapacità relazionale forse a quarant'anni lasciano la famiglia, femmine, viziate che non vogliono problemi e se per caso restano incinte vanno in tilt subito abortendo o partorendo, non accettando il nascituro, sfociando magari in depressioni post partum. Ma che futuro potremo avere senza la parola SACRIFICIO?
Questa gioventu' assisterà i propri genitori nella vecchiaia? o li lascerà marcire in qualche casa di riposo per indigenti.

Allora, dice Tom, il mio impegno è grande per dare speranza e futuro andando nelle scuole, in serate a tema, incontrando questi giovani con molte risorse in più di noi, ma estremamente fragili, che combattono ore nella playstation, ma non sanno cambiare una lampadina e scappano gridando quando vedono un cimice o una cavalletta. Far capire che questo periodo è importantissimo per il loro futuro, che se lo sprecano non troveranno poi più niente , come una pianta che viene maltrattata in fase di crescita e non viene alimentata, alla fine la pianta non arriverà a fare foglie e frutti. Marcirà e morirà. Tutto viene e torna alla terra; seguendo semplici concetti si vive bene ed in pace interiore.
Aiutiamo perciò tutti i giovani, quelli ingolfati dal benessere ed anche quelli impantanati nella miseria, il futuro dipende esclusivamente da loro... Comunque, in mezzo a questa confusione triste, dove ci si chiude come dei gusci in un totale egoismo di contatti e sentimenti dove bene e male occupano lo stesso posto, dove coscienza e rimorso sono parole da cercare sul vocabolario, posso dire che esiste ancora la speranza, molti giovani sono la testimonianza attiva, si preparano, sono impegnati e valorosi;; anche se non trovano lavoro, questo fa ben sperare, ma la massa è ancora indietro, che aspetta ordini ............

Nella foto, Don Marco Pozza (Don Spritz) assieme a Tom, accomunati dallo stesso progetto Aiutare i Giovani

DON_MARCO_E__TOM

Miracolo ad alta quota ...

21 gennaio 2009. Vada come vada a finire sull'Aconcagua, la "Sentinella di pietra" che con i suoi 6930 metri è la più alta delle Americhe, Tom Perry una impresa l'ha già compiuta, uscendo vivo con i suoi due compagni di avventura, l'himalaysta vicentino Giampaolo Casarotto e chi scrive, da un incidente che in alta quota ha pochissimi precedenti. Tanto per andare subito al sodo, c'è da dire che siamo tutti e tre miracolati, anche se Tom Perry, per come sono andate le cose, lo è un pochino di più. Ma, si sa, non da oggi la Madonna ha un occhio di riguardo per l'incredibile e simpatico uomo a piedi nudi di Sovizzo Alto ...

plazasdemulas.jpg

Leggi tutto

Auguri a tutti !!

Tom Perry ed il suo team augurano a tutti un sereno Natale ed un inizio anno 2014 nel segno della semplicità e dell'ottimismo. Certamente questa situazione deve farci riflettere per dare un giusto valore alle persone ed alle cose.
Da parte mia, la volontà è forte per lanciare nuove sfide e raggiungere determinati obiettivi, un grazie a tutti dagli amici, ai fans, agli Sponsor, senza i quali non sarebbe possibile continuare l'attività. Nel cassetto ci sono tante idee , per primo porteremo a compimento la storia della statua di Karol Woitjla, che consegneremo a Papa Franceso, poi la realizzazione del documentario e film sui Vulcani.
Previste due spedizioni fuori Europa. Ma prossimamente daremo dettagli precisi.

ASD TOM PERRY ADVENTURE

E' nata in questi giorni freddi di Gennaio l'associazione sportiva Tom Perry Adventure. Questo è un momento importante per il Tom Perry Team, finalmente possiamo lavorare con stimolo e professionalità. Da oggi infatti L'ASD Tom Perry potrà cimentarsi con nuovi sponsor, progetti, viaggi avventura, Trekking, giornate siulla neve, oppure in alta montagna d'estate per stupende uscite guidate da persone esperte in luoghi suggestivi o mete particolarmente famose.

Leggi tutto

Riflessioni di Primavera

Questa Società basata totalmente sui NUMERI è contraddittoria.....
Perchè allora quotare il dollaro l'euro ogni giorno, l'oro ,il petrolio, sono interessi di Pochi, si potrebbe tranquillamente quotare tutto
una volta all'anno cosi' le Economie potrebbero crescere, svilupparsi ma invece l'egoismo e gli interessi di pochi soffocano tutti i mercati.
Perchè una volta non molti anni fa la banca ti chiedeva di chi eri figlio , e c'era un'etica per trattare ,oggi l'etica esiste solo per chi
vistosi annullato dalla legge dei numeri decide di sopprimersi nel silenzio. Perchè una volta in Ospedale anche se malato grave trovavi una suora una parola di conforto una privacy , persone a modo....... Ed oggi ti scaricano malati terminali dopo tre giorni dall'intervento perchè i numeri non corrispondono...... Devi sgombrare morire in fretta e a casa sei solo un peso la pensione
ti arriverà forse ma prima devi morire......cosi' i conti tornano. Ma se trenta anni fa si viveva in maniera sobria senza tanto internet
e la gente era meno confusa e depressa di adesso..... Possiamo chiamare tutto questo PROGRESSO?

Mi dicono che sto diventando pesante e logorroico .... è vero ma io in questo mondo non mi riconosco più...

sto bene solo in montagna nel silenzio e in preghiera......

Senza scarpe a 7000 metri

lscalzopressovetta.jpg

24 gennaio 2009. Ha finalmente affondato i ramponi nella neve della vetta, a conclusione di una salita durissima, che pareva non dover finire mai, e si è inginocchiato. Ha alzato gli occhi al cielo, ancora sgombro di nubi, poi li ha rivolti verso il mondo in basso, dalla cima del Cerro Aconcagua, 6962 metri. Non c'e vento e la temperatura non supera i cinque gradi sotto lo zero. Insomma, ci sono le condizioni per mettere in pratica quanto promesso, togliersi gli scarponi sul punto più alto delle Americhe. Una scelta ponderata da parte di chi ha già ampiamente dimostrato di saper convivere con i rischi estremi. Con la testa sulle spalle e i piedi per terra. La prima cosa che Tom Perry ha fatto è stata però correre incontro ed abbracciare Giampaolo Casarotto, fortissimo himalaysta ed amico cui ha affidato la "direzione lavori" di una impresa clamorosa che lancia l'uomo a piedi nudi di Sovizzo, non più solo quindi "alpinista scalzo", nel Ghota dei recordmen che molto, molto, molto difficilmente verranno emulati. In altre parole, è stato il primo uomo a calcare la cima di un settemila a piedi nudi, è destinato sicuramente ad essere l'unico ... 

Nella sezione "Immagini", le altre foto della straordinaria impresa

Leggi tutto

Negato il permesso a Tom per lo Stromboli

Grande amarezza in tutto il team per il diniego del COA, organismo della Protezione Civile Nazionale, che ha negato l'accesso al vulcano, dopo il parere positivo espresso dal Sindaco di Lipari.
La segreteria regionale del dott. Raffaele Lombardo aveva fornito un'esemplare collaborazione per la realizzazione dell'impresa. Tom aveva già identificato il percorso in sicurezza sulla Sciara del Fuoco, avendo già fatto due sopralluoghi, dei quali fra l'altro nessuno si era  accorto, nemmeno le web cam  proiettate costantemene sulla Sciara, ed ha commentato ironicamente: "Forse IDDU ha avuto paura di sentirsi il prurito sulla schiena sentendo grattare i piedi ormai famosi dell'uomo a piedi nudi". Effettivamente quanto accaduto dispiace, soprattutto per il grande lavoro di preparazione svolto in questi mesi. Un plauso comunque va a Carmelo Nicoloso, amico infaticabile per grinta e determinazione, a tutti i Siciliani ed alla Sicilia, terra di forti tradizioni e di cuore alla quale Tom voleva dedicare quest'impresa.
Uno stop forzato alla grande macchina organizzativa, arrivata alla partenza con grandi sacrifici. Cameramen, fotografi, elicotteri e le  telecamere della CNN: tutto si ferma per il rispetto delle regole che Tom non vuole trasgredire. Si è cercato in tutti i modi la via della correttezza e della legalità, ma non è bastato. Pazienza. Punteremo l'obiettivo più in alto, dedicandolo al popolo di Sicilia, in fin dei conti lo Stromboli è una collinetta da 946 metri, dove sicuramente girano molti interessi......  e posti di controllo ambiti, molto spesso occupati da persone che i Vulcani li hanno visti forse in televisione.
Alleghiamo i documenti spediti e ricevuti nonchè la foto del percorso individuato.
Cosi' si chiude questa Telenovela.linea_blu.jpg

Leggi tutto

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses