• kilimangiaro
  • aconcagua-argentina
  • adamello
  • cervino
  • civetta
  • lago salato-bolivia
  • messico
  • Kilimanjaro
  • Aconcagua Argentina
  • Adamello
  • Cervino
  • Civetta
  • Lago Salato Bolivia
  • Messico

L'Etna a piedi nudi

L'Etna a piedi nudi per accendere il motore della solidarietà

L'impresa di Tom Perry sarà dedicata a tutte le donne, in particolare alle vedove dell'ispettore Raciti e di Angelo D'Arrigo, campione di volo libero.

Tom Perry, l'alpinista scalzo di Sovizzo, è pronto ad una nuova, clamorosa impresa. La prossima settimana tenterà di scendere a piedi nudi dall'Etna, il più alto vulcano d'Europa, una montagna che sfiora i tremila e quattrocento metri di altezza e che mai fino ad ora è stata teatro di una prova simile. Quella del simpatico atleta vicentino che nella vita di tutti i giorni è un componente delle Polizia provinciale, non sarà solamente una performance di carattere sportivo.

Tom Perry infatti intende dare alla sua impresa un significato preciso, lanciare un messaggio di solidarietà, un appello alla pace e alla fratellanza, alla giustizia e al rispetto fra gli uomini. Sono messaggi forti e chiari che l'alpinista scalzo diffonderà dalla vetta di una montagna dalle straordinarie suggestioni come è l'Etna. Lo farà dedicando l'impresa a due donne siciliane, un modo per testimoniare loro una sincera partecipazione e per ricordare anche i loro mariti. Si tratta della vedova dell'Ispettore di polizia Raciti, ucciso poche settimane fa da un tifoso di calcio mentre prestava servizio allo stadio di Catania e della vedova di Angelo D'Arrigo, indimenticato campione di volo libero, conosciuto dal team di Tom Perry quattro anni fa sull'Everest, e morto proprio in un banale incidente aereo un anno fa, nel cielo della Sicilia. Tom Perry, grazie anche alla disponibilità dimostrata dalla Regione Sicilia, dal comune di Catania e dalla direzione del parco dell'Etna, incontrerà le due donne al termine della sua incredibile avventure lungo le pendici del vulcano fra i più famosi del mondo. Tom Perry è divenuto popolare per le imprese sulle montagne di tutto il mondo, scalate in una maniera originalissima: senza scarpe. L'alpinista vicentino è stato infatti il primo uomo a scendere a piedi nudi dal Kilimangiaro, dal monte Sinai, dal vulcani del Sudamerica, sfidando terreni difficili e temperature proibitive. Lo scorso anno è stato protagonista di una clamorosa impresa in Himalaya, raggiungendo a piedi nudi il campo base del Makalu a quasi sei mila metri di quota, una delle montagne più alte e difficili del mondo. Lo ha fatto percorrendo il trekking, per una distanza di 140 chilometri, con la torcia olimpica eccezionalmente autografata dal Dalai Lama. L'atleta di Sovizzo infatti, è uso compiere le sue imprese per motivi squisitamente umanitari, abbinando ad ogni spedizione un intervento concreto a favore di chi ha bisogno, cercando di sensibilizzare i suoi ormai tantissimi simpatizzanti su un fatto o un problema specifico. . Umiltà e semplicità in punta di piedi. Anche sull'Etna,Tom Perry si avvarrà della collaborazione di un team di alpinisti, amici che lo seguono abitualmente nelle sue spedizioni in giro per il mondo. La partenza per l'Etna è prevista per il 27 marzo, il tentativo di salita e discesa a piedi nudi il 29 e il 30. In Sicilia la notizia si è diffusa in un baleno, suscitando curiosità e grande attesa. Tom Perry uomo vulcanico, non ci sono più dubbi.
Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses