• kilimangiaro
  • aconcagua-argentina
  • adamello
  • cervino
  • civetta
  • lago salato-bolivia
  • messico
  • Kilimanjaro
  • Aconcagua Argentina
  • Adamello
  • Cervino
  • Civetta
  • Lago Salato Bolivia
  • Messico

Grande successo di pubblico per il documentario "Tom Perry e la Profezia dei Maya"

Oltre 300 persone,  molte anche in piedi, per l'anteprima del documentario n° 9 di Tom Perry, riguardante la Profezia dei Maya. Attenzione massima e silenzio generale guardando le immagin di un vero reportage tra Paradiso ed Inferno,  trattando argomenti di estrema attualità. Dai problemi legati al Pianeta, alla criminalità, oltre che al narcotraffico,  entrando nella civiltà Maya, con testimonianze di rilevanza mondiale, con Tom che fa da guida, fino a svelare alla fine il tanto trattato argomento del 2012.

Adesso si parte per proporre il film a livello nazionale e sopratutto per serate a tema o dedicate all'uomo. Basta contattare il sito per eventuali prenotazioni. Sicuramente per Tom Perry questo è un momento molto importante, perchè segna l'inizio di una nuova fase, dove l'uomo a piedi nudi diventa il filo conduttore di reportage a livello planetario. Il film è prodotto in tre lingue: Italiano, Spagnolo ed Inglese. 

 

 

A distanza di tre anni, riecco Tom Perry sulle Dolomiti ...

... a sfidare il Massiccio del CIVETTA

Grande emozione sulla lunga via ferrata degli Alleghesi, affrontata a piedi nudi partendo dal Rifugio Coldai alle 15 del pomeriggio e raggiungendo la vetta di 3220 m. alle 19,  per uno spettacolare tramonto. Dopo aver dormito al Rifugio Torrani,  discesa ancora a piedi nudi fino a Palafavera, in un percorso lungo e molto insidioso, con tratti esposti e roccia taglientissima.

Storie di grandi montagne a cui Tom è molto affezionato. Stupore fra gli alpinisti incrociati, molti stranieri incuriositi che volevano conoscere da vicino il simpatico Tom.

.CIMG6604

CIMG66622

CIMG6778

 

AMBASCIATORE DELLA NATURA

E' stato consegnato il 15 Maggio a Catania, durante l'evento Giornate Mediterranee per la salvaguardia del Creato, un riiconoscimento speciale a Tom Perry, dalle mani di Franco Tassi, presidente del Centro Parchi Internazionale. Momenti splendidi dedicati alla figura del Beato Giovanni Paolo II, da Piano Vetore sull'Etna, con la partecipazione di molti personaggi: mons. Jarek Chieleki ha presieduto le celebrazioni, con il coordinamento di Carmelo Nicoloso, Maurizio Dal Bosco e la splendida organizzazione della Forestale diretta dal dott. Bonanno.

Nelle motivazioni dell'ambito riconoscimento, l'impegno e la grande dedizione di Tom per la salvaguardia del Creato, la tutela ambientale e l'utilizzo di fonti di energia naturali e rinnovabili. Sicuramente la Sicilia è una terra splendida, culla delle civiltà con un patrimonio naturale da far invidia al mondo intero.

Tom poi ha vissuto altri momenti splendidi nel Trapanese, visitando Erice e la riserva forestale attigua, in mezzo a scenari mozzafiato, fra mare cristallino e montagne simili alle Dolomiti. Anche qui la forestale provinciale, diretta dal dott. Antonino Maggio, è all'avanguardia per LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DI SPECIE ANIMALI E VEGETALI IN VIA DI ESTINZIONE.

nella foto il riconoscimento

premioSS

A Tom Perry il PREMIO MONTAGNA ITALIA 2011

off_serata_8_245

Proprio al ritorno dalla grande esperienza in Guatemala, della quale seguirà tutto il resoconto ed il reportage incredibile dopo 18 giorni all'insegna della pura adrenalina, con colpi di scena continui, non c'è tempo per respirare e, anche se il jet lag è ancora in corpo, Sabato 12 Febbraio a Bergamo in occasione di OROBIE FILM FESTIVAL, rassegna internazionale dedicata alla fotografia ed al Cinema di montagna, è stato assegnato a Tom Perry il premio Montagna Italia 2011 per l'originalità ed il grande impegno umanitario verso le popolazioni povere del mondo. Grande kermesse con personaggi istituzionali e protagonisti della montagna ...

_OZA6210

GUATEMALA 2011

E' tutto pronto per l'avventura di Tom in Guatemala, intitolata TOM PERRY e i SEGRETI dei MAYA.
La partenza sarà il 21 Gennaio; questa storia, molto seguita finora, porterà Tom ed i suoi in zone remote ed inacessibili del Guatemala, per trovare le origini del CALENDARIO MAYA che ha previsto nel 2012 la fine del mondo. Sarà un Tom Perry versione INDIANA JONES a svelare questo prossimo mistero.............
Grande seguito mediatico per l'avventura, che si snoderà nella foresta pluviale alla ricerca di un sito MAYA ancora inesplorato, per poi entrare in zone off limits con l'aiuto dell'esercito....
Ancora una volta, poi Tom sarà sui Vulcani energia pura della TERRA: non perdiamoci questa primizia mai proposta finora.............
guatemala

"Tom Perry e la profezia dei Maya": anteprima nazionale

"TOM PERRY e LA PROFEZIA MAYA"
(Immagini forti del Guatemala misterioso e selvaggio. Tra Paradiso ed Inferno, alla ricerca della verità riguardante la fine del Mondo profetizzata dai Maya nel 2012)

SABATO 8 OTTOBRE alle ore 20.45 nella Sala Accademica del Centro Missionario di S Gaetano Via Mora, 53 a Vicenza (Zona Ospedale, Seminario minore)

INGRESSO LIBERO

Saranno presenti oltre ad autorità ed ospiti illustri, tutti i componenti del Team che hanno vissuto questa esperienza straordinaria.
il mistero sarà finalmente svelato ...

VI ASPETTO
TOM PERRY (l'uomo a piedi nudi)

Tom Perry inaugura il primo Parco Sensoriale a piedi nudi  a Moena

Grandi emozioni a Moena per il primo Parco Sensoriale d'Italia, inaugurato proprio da chi di piedi se ne intende. Molte persone ed anche molti bambini hanno potuto sentire l'energia della terra calpestando varie tipologie di terreno all'interno di un bosco incantato in quel di Moena,  stupenda cittadina trentina della Val di Fassa. Questo è il primo esperimento in campo nazionale di percorso posturale- sensoriale dove l'uomo si riappropria della propria identità di animale, ricollegandosi alla madre terra. Oltre a numerose autorità del mondo politico e sociale di Moena, erano presenti anche tanta gente  comune  e sopratutto bambini che si sono subito adattati al modo naturale di approcciare la terra. Alla fine tanta gioia ed energia, con l'appuntamento del 25 Agosto, quando Tom ritornerà per una serata speciale dedicata  a tutti,  turisti compresi.  E' proprio vero che in Trentino ci sono sempre nuove attrazioni che nascono da esperienza e marketing di alta qualità.

lucaniaS024


Come documentano le foto, l'avventura di Tom  continua poi in Basilicata con una nuova esperienza denominata POSTURAL WALKING, nella quale il dott. Antonio Parrella, chiamando Tom Perry come Testimonial in quel di Potenza, fa camminare decine di persone a piedi nudi in un percorso di montagna, correggendo cosi naturalmente imperfezioni della colonna vertebrale  e dimostrando scientificamente con numeri le teorie di Tom Perry, esperienza quindi doppiamente valida per l'attestazione scientifica dell'andare scalzi.

lucaniaS038

Tom Perry e la profezia Maya

Manca un mese all'uscita del nuovo, sconvolgente film-documentario girato in Guatemala, nel quale Tom Perry va alla ricerca della verità sulla profezia dei Maya riguardante la fine del mondo nel 2012.  Intanto godetevi il promo del Video  già supercliccato su You Tube.

{rokbox size=|854 505| album=|demo|}http://www.youtube.com/watch?v=K7CTCbSlUp8&hd=1&autoplay=1{/rokbox}
{rokbox size=|854 505| album=|demo|}http://www.youtube.com/watch?v=K7CTCbSlUp8&hd=1&autoplay=1{/rokbox}

In diretta dal Guatemala ...

Il viaggio di Tom Perry in Guatemala, alla scoperta dei Maya e dei loro segreti, non poteva partire che dal Tajumulco, 4420 metri di altezza, il più alto vulcano del Guatemala e di tutto il centro America, un cono colossale che si staglia nella regione di San Marco, nel cuore degli altopiani occidentali, a ridosso del confine con il Messico. Un territorio solcato da valli strette e profonde, percorribili solo a tratti da strade carrozzabili.
Il Tajumulco è un monte sacro per gli indigeni, che nella vita lo devono salire per almeno quattro volte. E' una divinità, come lo sono tutti i numerosi vulcani del paese che può vantare la più grande concentrazione di crateri di tutto il mondo. Durante i decenni di guerra interna, era divenuto anche un simbolo per la guerriglia che si opponeva alle stragi dell'esercito e che sulla sommità, proprio ai margini del cratere, aveva installato un ripetitore. Tom Perry, accompagnato dal suo team, ha salito il vulcano a piedi nudi, come nel suo stile. La cima è stata raggiunta dopo un pernottamento in tenda a 4 mila metri, in una zona protetta dal vento che ha invece flagellato la vetta, dove la temperatura era di oltre dieci gradi sotto lo zero.
Una salita che in realtà non ha voluto essere una ennesima impresa "dell'uomo a piedi nudi", ma un pellegrinaggio in omaggio alla popolazione indigena, che ha dimostrato di apprezzare le intenzioni della guardia forestale di Sovizzo.
Tajumulco è anche il nome di un paese maya ai piedi del vulcano e sarà la prossima tappa del viaggio di Tom Perry. E' abitato da circa 60 mila persone disperse in un'area di 300 chilometri quadrati dove, ad attendere l'atleta di Sovizzo, c'è un missionario vicentino della congregazione di San Gaetano, padre Girolamo Velco, una autentica istituzione qui in Guatemala, conosciuto da tutti, un personaggio amato e stimato dagli indios come pochissimi altri. Dalle sue parole e dai suoi racconti si potrà capire meglio quanto e come è cambiata la vita degli indios maya di queste zone e soprattutto quali posssono essere le loro prospettive in un contesto nel quale le minoranze sono ancora, come nei secoli della colonizzazione, in gran parte non rispettate se non addirittura sottomesse ...

Tajumulco

Tom Perry riparte con il progetto AIUTIAMO i GIOVANI 2011

Tom Perry lancia una nuova sfida: per il 2011, nel programma eventi Tom inserisce un progetto dedicato allo stato confusionale giovanile, cercando di contribuire al risveglio ed alla partecipazione attiva dei giovani, spenti, infelici e depressi nell'era di internet e facebook. Se il buon giorno si vede dal mattino, figuriamoci il tardo pomeriggio. Tom dice: la fase giovanile è il periodo più importante e delicato dell'esistenza; se noi non investiamo in tale periodo, poi purtroppo non si può fare nulla per arginare la frana della vita... I giovani di oggi, rispetto a quelli di trent'anni fa, sono molto piu' vulnerabili ed impreparati alla vita. Nella civiltà contadina si insegnavano le cose semplici, ma di fondamentale importanza per l'avvenire. Se ieri si maturava presto, cioè dopo il militare per i maschi e anche prima per le femmine, oggi non è più cosi', tanto che, a parte il matrimonio, che oramai è diventato una rarità, nessuno vuole accettare le responsabilità ed i passaggi della vita. Io a vent'anni, benche' diplomato non trovavo lavoro per il mio titolo di studio e per quasi quattro anni ho fatto l'imbianchino fuori regola, in una famiglia con cinque figli dove non si doveva e poteva sprecare nulla di si passava i vestiti da fratello a sorella adesso la chiamano Crisi...... Quindi l'apparenza sovrasta
tutto, non esitono e non devono esitere i problemi. tutto diventa una farsa che, nella peggiore delle ipotesi poi diventa tragedia. Il non saper affrontare ed accettare il normale corso della vita oggi rappresenta un grande pericolo per la società futura. Anche la donna rientra in queste problematiche, non accettando il primario ruolo di madre, si confonde nei meandri della stupidità e superficialità. Quanto dobbiamo imparare dalle nostre madri, che hanno formato persone con enormi sacrifici, incuranti dei propri diritti senza orari, ma con vero amore, parola che oggi viene usata in maniera equivoca.
Quando partorire diventa sport estremo ........ Tom Perry dice la civiltà è finita. Quindi maschi, rimbecilliti che per uscire dalla loro incapacità relazionale forse a quarant'anni lasciano la famiglia, femmine, viziate che non vogliono problemi e se per caso restano incinte vanno in tilt subito abortendo o partorendo, non accettando il nascituro, sfociando magari in depressioni post partum. Ma che futuro potremo avere senza la parola SACRIFICIO?
Questa gioventu' assisterà i propri genitori nella vecchiaia? o li lascerà marcire in qualche casa di riposo per indigenti.

Allora, dice Tom, il mio impegno è grande per dare speranza e futuro andando nelle scuole, in serate a tema, incontrando questi giovani con molte risorse in più di noi, ma estremamente fragili, che combattono ore nella playstation, ma non sanno cambiare una lampadina e scappano gridando quando vedono un cimice o una cavalletta. Far capire che questo periodo è importantissimo per il loro futuro, che se lo sprecano non troveranno poi più niente , come una pianta che viene maltrattata in fase di crescita e non viene alimentata, alla fine la pianta non arriverà a fare foglie e frutti. Marcirà e morirà. Tutto viene e torna alla terra; seguendo semplici concetti si vive bene ed in pace interiore.
Aiutiamo perciò tutti i giovani, quelli ingolfati dal benessere ed anche quelli impantanati nella miseria, il futuro dipende esclusivamente da loro... Comunque, in mezzo a questa confusione triste, dove ci si chiude come dei gusci in un totale egoismo di contatti e sentimenti dove bene e male occupano lo stesso posto, dove coscienza e rimorso sono parole da cercare sul vocabolario, posso dire che esiste ancora la speranza, molti giovani sono la testimonianza attiva, si preparano, sono impegnati e valorosi;; anche se non trovano lavoro, questo fa ben sperare, ma la massa è ancora indietro, che aspetta ordini ............

Nella foto, Don Marco Pozza (Don Spritz) assieme a Tom, accomunati dallo stesso progetto Aiutare i Giovani

DON_MARCO_E__TOM

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses