• kilimangiaro
  • aconcagua-argentina
  • adamello
  • cervino
  • civetta
  • lago salato-bolivia
  • messico
  • Kilimanjaro
  • Aconcagua Argentina
  • Adamello
  • Cervino
  • Civetta
  • Lago Salato Bolivia
  • Messico

Grande successo per Tom Perry e il Team in Abruzzo

croce.jpgMomenti splendidi, quelli vissuti il 18 e 19 Luglio dal gruppo Tom Perry,  sceso prima ad Assisi poi in Abruzzo per ricordare la figura del grande Papa; ad Assisi sono stati accolti prima in Basilica, per rendere onore a  san Francesco, e poi ricevuti da padre Polidoro di Assisi Pax.
Grande la regia di Carmelo Nicoloso, giunto con una delegazione della Polizia Provinciale di Catania. 

Leggi tutto

2 giugno 2009, il maestro Peretti ci lascia

attilio.jpg

Oggi purtroppo è venuto a mancare il papà di Tom Perry. Attilio se n'è andato in punta di piedi, a novantanni; grande figura
carismatica, maestro elementare educatore, grande suonatore di mandolino, ha vissuto una vita dedicandosi alla famiglia
e alla solidarietà. Persone come lui lasciano impronte incancellabili. Ciao Papà, sicuramente i miei piedi si appoggeranno sulle
tue orme. Ti ringrazio per tutto quello che mi hai trasmesso, la tua allegria, il tuo coraggio, la tua generosità, a te dedico
tutto il mio futuro. Ricordando i momenti vissuti con te fin da bambino, proteggici da lassù, e fatti sentire...

Il tuo Toio...........

Tom Perry sulle orme di Giovanni Paolo II

Tutto è pronto per il programma del prossimo Maggio, passata la Pasqua e dopo la tragedia Abruzzese, sulla quale tutti dobbiamo meditare, sperando nella solidarietà e, purtroppo, anche prevedendo che qualche furbone ne approfitterà per lucrare sulle disgrazie altrui: questo pianeta, nei momenti di crisi e difficoltà, maschera con conti correnti o donazioni dove la gente semplice e sensibile confluisce i propri rispami e sacrifici, senza sapere dove queste risorse vadano a finire. Questo mio appunto non vuole essere polemico, ma semplicemente propedeutico visto il momento veramente difficile: vada il nostro cordoglio alle famiglie colpite, che Dio possa sanare i cuori di coloro che hanno subito un lutto o hanno perso la propria casa.
Il 13 Maggio partirà la grande avventura dedicata al grande Pontefice di cui si allega il depliant . Grazie agli amici Siciliani, a Carmelo Nicoloso, per l'impegno dedicato all'evento.
Nei prossimi comunicati il dettaglio del programma.

depliantgpiis.jpg

Tom Perry riparte da zero

Tom Perry parte da zero per le prossime imprese: il momento economico è molto difficile, ci sono difficoltà per gli sponsor, ma Tom ha fiducia nella spontaneità, nei valori autentici privi di speculazione, nell'onestà e sopratutto nella sincerità, che in questi tempi purtroppo pare sia scomparsa. L'idea di marketing fatta con molta semplicità è molto più credibile per la gente comune, cercare pubblicità con l'inganno o con l'apparenza sicuramente oggi diventa difficile. Raccontare la vita nel suo corso naturale diventa quindi vero reality, non falsa utopia. Tom, vulcanico come idee, cerca un'azienda per creare uno spot vero, fatto con sudore, ma che sappia trasmettere emozioni.
Oramai, il personaggio conosciuto dappertutto è pronto per dialogare con la gente, trascinando folle come nelle sue serate in una continua provocazione, nel segno di ritorno alle origini ed ai valori di una società marcia corrotta e allo sbando. Siamo pronti quindi per
la fase "Tom Perry alla riscossa.........."

Senza scarpe a 7000 metri

lscalzopressovetta.jpg

24 gennaio 2009. Ha finalmente affondato i ramponi nella neve della vetta, a conclusione di una salita durissima, che pareva non dover finire mai, e si è inginocchiato. Ha alzato gli occhi al cielo, ancora sgombro di nubi, poi li ha rivolti verso il mondo in basso, dalla cima del Cerro Aconcagua, 6962 metri. Non c'e vento e la temperatura non supera i cinque gradi sotto lo zero. Insomma, ci sono le condizioni per mettere in pratica quanto promesso, togliersi gli scarponi sul punto più alto delle Americhe. Una scelta ponderata da parte di chi ha già ampiamente dimostrato di saper convivere con i rischi estremi. Con la testa sulle spalle e i piedi per terra. La prima cosa che Tom Perry ha fatto è stata però correre incontro ed abbracciare Giampaolo Casarotto, fortissimo himalaysta ed amico cui ha affidato la "direzione lavori" di una impresa clamorosa che lancia l'uomo a piedi nudi di Sovizzo, non più solo quindi "alpinista scalzo", nel Ghota dei recordmen che molto, molto, molto difficilmente verranno emulati. In altre parole, è stato il primo uomo a calcare la cima di un settemila a piedi nudi, è destinato sicuramente ad essere l'unico ... 

Nella sezione "Immagini", le altre foto della straordinaria impresa

Leggi tutto

Appuntamenti stagione estiva 2009

nero50.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

17 giugno: Tom Perry sul Monte Nero in Slovenia. Il monte che inizia il ciclo dedicato alle montagne sacre agli Alpini. Con il Team  si proseguirà poi sul Monte Canino, e i luoghi cari simbolo di un'Italia creata con il sacrificio di migliaia di vite umane. Seguirà una puntata sul Monte Rosa verso fine Giugno. Nella sezione "Immagini", le splendide foto dell'impresa.

27 giugno: Tom a Rio Torto (Livorno) con L.R. sponsor, pomeriggio dedicato a tutti.

5 luglio: Tom Perry sarà a Campogrosso per il tradizionale incontro con i suoi fans.

12-16 luglio: Tom in Elicottero sulle Piccole Dolomiti con Canale 5 per presentare la stagione sul TG5


18 luglio: inizia il viaggio itinerante dedicato a Giovanni Paolo II; alla Basilica Inferiore di Assisi, incontro con il priore ed i Papaboys; segue tutta l'avventura sul Gran Sasso a Cima Giovanni Paolo II, con gli amici Catanesi, Carmelo Nicoloso e gli altri.
A fine Luglio, Tom Perry sarà ospite della TV spagnola Telecinco per l'impresa sul Pico de Aneto sui Pirenei, la più alta montagna della Spagna, passando proprio per Lourdes, meta amata da Tom.


4 e 5 agosto: Tom sarà in Val d'Aosta per ripercorrere i sentieri alpini percorsi da Giovanni Paolo.
La settimana di Ferragosto ci vedrà sulle Dolomiti per riassaporare la roccia a piedi nudi, con appuntamenti a Cortina sull'Antelao (Alta via delle Dolomiti).

A Settembre in Polonia sui Tatra ............. 

Ma andiamo con i piedi per terra: tutti questi impegni si possono affrontare con l'aiuto di Dio.
Chi volesse aggregarsi alle storie o uscite di Tom, può richiedere il programma dettagliato "Uscite con Tom 2009" all'email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Inizia l'avventura dedicata a Giovanni Paolo II a Piano Vetore sull Etna

etna_tomperry-67.jpgGrandi  emozioni il 13 Maggio a Piano Vetore sull'Etna, dove una folla estasiata, fatta di studenti, turisti, politici, militari, curiosi, sicuramente ha provato emozioni rare quando Tom Perry e l'artista Ruffo hanno portato al simbolico altare il dipinto con l'immagine di Giovanni Paolo II. L'organizzazione dell'evento, curata da Carmelo Nicoloso, Maurizio  Dal Bosco e da tanti amici siciliani, è stata impeccabile. Le note della famosa canzone di Amedeo Minghi "Un uomo venuto da molto lontano"  hanno fatto veramente venire la pelle d'oca a molti partecipanti. Ricordiamo che il 13 Maggio, festa della Madonna di Fatima, presente con una statua portata da don Giovanni del Monastero Benedittino di Nicolosi, ha fatto emozionare anche Tom Perry, che, alle dieci in punto, mentalmente pensava a Fatima, dove per due volte pellegrino aveva assistito alla processione solenne, dove la Madonna portata in spalla attraversa tutta la piazza applaudita da centinaia di migliaia di persone.
Questa cerimonia, in collaborazione con la Provincia Regionale di Catania, la Regione Val d' Aosta rappresentata dal Presidente Cerisi, dall' Amministrazione Provinciale di Vicenza, rappresentata  dall'assessore Andrea Pellizzari, alla presenza di tutte le autorità civili e militari, segna la partenza di questa storia dedicata al grande Papa.  Mercoledi 20 Maggio seguirà l'udienza in Vaticano
dal Papa Ratzingher. 

Veramente stiamo entrando  nel vivo dell'evento.

Godiamoci intanto le foto ...

etna_tomperry-86.jpg

Leggi tutto

Ma cos'è questa crisi? Lettera aperta di Tom

tom.jpgIn questi giorni non si sente parlare di altro, solo crisi, licenziamenti, borsa in affanno, banche da sostenere, aziende al collasso, cassa integrazione, inflazione, recessione, e chi più ne ha più ne metta. Gente sfiduciata, depressa, che a testa bassa vive momenti difficili, forse memorabili, che a ritroso pensano al dopoguerra, anche se, pensandoci bene, quelli erano momenti sicuramente drammatici, ma che potevano solo andare in progressione, come effettivamente è stato: ricostruzione, progresso tecnologico, lavoro ci hanno portato a livelli inpensabili. Tutto questo correre, velocizzare, fino ad arrivare ai cellulari, alle email, che in un secondo trasferiscono foto, immagini, situazioni in tutto il mondo, ha sicuramente reso la macchina umana un'acceleratore bio-dinamico che non si è accorto di essere formato di materia organica degenerativa.

Per produrre un mattone lavoravano cento persone e, a mano, con sacrifici, ne facevano mille al giorno. Adesso una macchina senza uomini ne produce diecimila al giorno: il progresso ha sicurmente aiutato l'uomo, ma alla fine lo ha sostituito. In Africa, sul Kilimangiaro, sono vietati tutti i mezzi motorizzati, cosi' lavorano i portatori e li' il lavoro non manca. Noi Occidentali, istruiti e ben alimentati, siamo arrivati alla saturazione: mille auto al giorno per anni, adesso ne abbiamo cinque per famiglia e questi vogliono ancora vendere auto; ma che cacchio di conti hanno fatto? sicuramente la matematica non era il loro mestiere! Tutto funziona cosi', i nostri padri e nonni ci hanno insegnato a non sprecare, perchè dopo le vacche grasse arrivano le magre, ma una volta la storiella ci insegnava che la formichina lavorava mentre la cicala suonava. I guadagni facili, raccontare fandonie vendendo fumo, cioè virtualità e non realtà, ha scoperto chi veramente siamo: siamo un'isola di famosi, ma in un'isola, se non arrivano i viveri, si muore di fame.

Ecco dove Tom Perry, sette anni fa, ha cominciato a raccontare la vita in maniera lenta, a piedi nudi, comunicando in tutte le sue serate e interventi televisivi, come l'uomo deve tornare alle proprie origini, nell'essenzialità nei rapporti umani, nelle cose che contano, la dignità, l'etica, la professionalità, la morale, la parola, la stretta di mano, il buon senso, l'amicizia, la solidarietà, come nelle contrade di una volta, dove il vicino diventava amico nel bene e nel male, dove situazioni di emergenza venivano affrontate con determinazione e senso del pratico senza isterismi collettivi. La famiglia, punto fondamentale della società con valori forti, dove la donna protagonista, non vittima, assumeva il ruolo centrale: l'essere madre, e non manager, la contraddistingueva, la valorizzava, rendendola in prima persona, insostituibile, con la sua discrezione e femminilità; oggi, girando per le strade, vedendo le nostre giovani, questo ci fa pensare come può esistere un futuro privo di ideali e sacrifici. Tutto si consuma subito, non esiste il confine tra bene e male, è tutto lecito altrimenti siamo sfigati: sono questi i messaggi nel sociale, siamo materiale da consumo, cartucce per stampanti, schede telefoniche, bollette da pagare, canoni di televisione, sigarette da finire.  L'egoismo la fa da padrone. Tutto va bene finchè non tocca a noi.
Chi ha girato il mondo sa come funziona, qui da noi ci sono solo pretese, arroganza, soprusi, collusioni, tradimenti, corruzione, ma dove è finito l'uomo, dove è finita la coscienza, è tutta apparenza; la sostanza è solo la pazza forma che sentiamo dentro, che bisogna dimenticare, altrimenti non trovi lavoro, amici, occasioni.

Ebbene vi dico sarà duro accettare il momento, per molte famiglie sarà un'incubo, ma a me pare che questo momento sia molto importante per ristabilire gli equilibri, le responsabilità, i valori, l'appartenenza a una razza umana, che ci contraddistingue dai cani, dai gatti, dai furbi, una razza dotata di sentimenti, unica cosa che ci contraddistingue; non siamo robot, macchine veloci, siamo lenti, legati dal nascere e tramontare del sole. Non facciamoci fregare dal sistema, scegliamo la libertà del tempo che scorre impassibile, cogliendo ogni piccolo attimo dell'energia che ci fa capire di essere ancora vivi ..............

Guardando gli altri e ai loro problemi capiremo noi stessi, liberandoci dall'egoismo sconfiggeremo le nostre paure.
La natura è il bene più grande che abbiamo. Lei ci sta guardando; dipenderà dalle nostre azioni il futuro dell'umanità.
I parchi sono la vera Arca di Noè del futuro. Senza i parchi, la biodiversità della natura non potrebbe sopravvivere. Sono anche la scialuppa di salvataggio di questo nostro Titanic, della nostra civiltà in fondo cosi' grigia senza i colori vivi della natura.      

Aconcagua 2009: le conclusioni di Tom

La storia è appena terminata, siamo rientrati a casa. I giornali, le TV hanno diffuso le notizie della cronaca di un viaggio sicuramenteunico: tanti sacrifici, momenti di paura, tensione, rabbia ... Tutto adesso è solo un grande ricordo, fatto di filmati, foto, flash  racchiusi nella nostra memoria. Questo viaggio, nato con molte difficoltà dovute anche al momento economico molto difficile, ricordo aveva molteplici scopi: l'unione con gli amici siciliani Nuccio Di Grazia  e Alessandro Viani, rimasti  nella Valle di Horcones per motivi di sfortuna e scelte logistiche concordate via radio, ha visto il momento di ritrovo a Ponte degli Inca fra il ciclista Di Grazia e Tom Perry;certamente il programma è stato dettato dall'impossibilità di entrare nel parco dell'Aconcagua con la Bici.Io comunque sono del parere che alla fine gli elementi basilari della storia si sono legati sufficientemente per realizzare un filmato di ottima fattura.

Grazie quindi a tutti i componenti della spedizione, sia in rilievo che in ombra; per me l'unione fa sempre la forza del gruppo. L'attenzione adesso si sposta al prossimo obiettivo in primavera, ovvero la nuova storia legata al grande Papa Giovanni Paolo II ...

conclusioni.jpg

Miracolo ad alta quota ...

21 gennaio 2009. Vada come vada a finire sull'Aconcagua, la "Sentinella di pietra" che con i suoi 6930 metri è la più alta delle Americhe, Tom Perry una impresa l'ha già compiuta, uscendo vivo con i suoi due compagni di avventura, l'himalaysta vicentino Giampaolo Casarotto e chi scrive, da un incidente che in alta quota ha pochissimi precedenti. Tanto per andare subito al sodo, c'è da dire che siamo tutti e tre miracolati, anche se Tom Perry, per come sono andate le cose, lo è un pochino di più. Ma, si sa, non da oggi la Madonna ha un occhio di riguardo per l'incredibile e simpatico uomo a piedi nudi di Sovizzo Alto ...

plazasdemulas.jpg

Leggi tutto

Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses